Bryn Mawr Classical Review

BMCR 2019.06.27 on the BMCR blog

Bryn Mawr Classical Review 2019.06.27

Hervé Inglebert (ed.), La présence impériale dans la Rome tardo-antique. Antiquité tardive, 25.   Turnhout:  Brepols, 2017.  Pp. 499.  ISBN 9782503578316.  €88,00 (pb).  


Reviewed by Sergio Audano, Centro di Studi sulla Fortuna dell’Antico “Emanuele Narducci”, Sestri Levante (sergioaudano@libero.it)

Preview

Il volume 25 della prestigiosa rivista Antiquité tardive dedica una corposa sezione (pp. 11-262) al tema monografico della presenza imperiale nella Roma tardo-antica. Secondo le caratteristiche metodologiche che contraddistinguono questa rivista l’approccio è sostanzialmente pluridisciplinare: contributi storici si alternano ad articoli più strettamente archeologici, con aperture significative alla cultura materiale.

La prospettiva consente un fecondo dialogo tra i lavori presenti nel volume e contribuiscono a fornire un quadro unitario, pur nella diversità delle tematiche prese in esame, in merito al ruolo di Roma e al suo rapporto con gli imperatori e la loro corte dopo la suddivisione dell’Impero.

Ne emerge un quadro ricco e movimentato, che fa giustizia della tradizionale vulgata della sostanziale decadenza della centralità di Roma a favore delle nuove capitali, come ben documentato da Meaghan McEvoy e Muriel Moser nell’introduzione alla raccolta (pp. 15-21). In maniera persuasiva si argomenta, infatti, come il legame tra sovrani e città sia rimasto stretto anche quando l’imperatore non era più fisicamente presente per un periodo costante (prassi del resto già a partire almeno dal III sec. con la frequente partecipazioni degli imperatori ai vari fronti di guerra). Continuano, ad esempio, i culti legati alla città, gli imperatori mantengono i tradizionali appellativi, come Pontifex Maximus (e anche Pontifex inclytus); vengono conservate le tradizionali distribuzioni di pane e si continua a garantire, anche in assenza del sovrano, l’allestimento di giochi pubblici; sono spesso presenti in città figure di rappresentanza, anche femminili (e sul punto specifico il volume offre un’interessante e innovativa documentazione), variamente legate alla famiglia imperiale. Per usare, dunque, un gioco di parole, il “sovrano assente” non implica affatto l’ “assenza del sovrano”, e pertanto determinare un vuoto non solo istituzionale, ma anche giuridico e soprattutto politico-militare. Il legame tra imperatore e città si realizzava concretamente non solo nelle visite periodiche che i sovrani in ogni caso compivano a Roma, ma anche mediante una fitta serie di interventi pubblici (soprattutto edilizi), testimoniati anche dalla documentazione epigrafica oltre che dalle evidenze archeologiche, o con l’erezione di statue o monumenti che in ogni caso veicolavano i tradizionali messaggi dell’ideologia imperiale e ne garantivano la continuità anche in absentia della persona fisica del monarca. L’arco cronologico preso in esame è molto lungo e tiene conto di diversi contesti storici, in particolare dalla Tetrarchia all’impero di Foca e di Costante II (e alla celebre visita di quest’ultimo a Roma nel 663, che ebbe come conseguenza la spoliazione del Pantheon e di altri monumenti della città, vero e proprio “sacco” dell’Urbe perpetrato dall’imperatore bizantino), senza però tralasciare confronti significativi con epoche precedenti, a partire dagli Antonini.

I numerosi contributi (che hanno come fondamento quelli presentati nel marzo 2015 a Frankfurt am Main al convegno Imperial presence in late antique Rome, poi arricchiti da altri lavori) sono articolati in quattro sezioni. La prima, A balancing act: absent emperors (pp. 23-58), comprende i seguenti articoli: C. Davenport, "Rome and the rhythms of imperial life from the Antonines to Constantine" (pp. 28-39) e M. Moser, "Ein Kaiser geht auf Distanz: die Rompolitik Constans’ I" (pp. 41-58). La seconda parte, Reasons to stay: Roman emperors in Rome (pp. 59-126), si articola in quattro contributi: S. Corcoran, "Maxentius: a Roman emperor in Rome" (pp. 59-74); J. Hillner, "A woman’s place: imperial women in late antique Rome" (pp. 75-94); M. McEvoy, "Shadow emperors and the choice of Rome (455-476 AD)" (pp. 95-112); J. J. Arnold, "Theoderic and Rome: conquered but unconquered" (pp. 113-126). La terza sezione Material presence (pp. 127-212) è composta da: U. Wulf-Rheidt, "Die schwierige Frage der Nutzung des Römischen Kaiserpalastes auf dem Palatin in Rom in der Spätantike" (pp. 127-148); M. Löx, "Zwischen physischer Absenz und medial-materieller Präsenz: die Kaiser der valentinianischtheodosianischen Zeit und ihr Verhältnis zur Stadt Rom" (pp. 149-171); G. Kalas, "The divisive politics of Phocas (602-610) and the last imperial monument of Rome" (pp. 173-190) e R. Coates-Stephens, "The Byzantine Sack of Rome" (pp. 191-212). La quarta parte Proxy presence and daily life in Rome (pp. 213-262) contiene i seguenti lavori: S. Orlandi, "Urban prefects and the epigraphic evidence of late-antique Rome" (pp. 213-222); L. Loschiavo, "L’asino che salì al tribunale e ragliò ostinatamente. Il governo di Roma all’epoca di Valentiniano I fra lotte politiche, tradizione giuridica e innovazioni legislative" (pp. 223-234); P. F. Mittag, "Prima urbes inter... aurea Roma? Roma und die Münzprägung der Jahre 364 bis 476 n. Chr." (pp. 235-241); M. R. Salzman, "Emperors and elites in Rome after the Vandal Sack of 455" (pp. 243-262).

Non è ovviamente possibile entrare nel dettaglio di ogni singolo contributo: emerge, tuttavia, con evidenza la portata originale di molti lavori e la capacità rimarchevole del dialogo costante tra i vari contributi che, nei loro specifici punti di vista, offrono conferma della tesi di fondo e dimostrano la permanenza concreta e vitale della stretta correlazione tra la città di Roma e la figura del sovrano, anche nel lungo periodo in cui la città cessò dalle sue funzioni di sede unica e centrale dell’impero.

Oltre alla sezione monografica questo volume di Antiquité tardive è, come da tradizione, completato da lavori su altre tematiche, raccolti nella sezione Varia (pp. 263-430): A. K. Vionis, G. Papantoniou, "Sacred landscapes as economic central places in late antique Naxos and Cyprus" (pp. 263-286); M. V. Escribano Paño, "Legenda sunt gesta ad sanandas animas: leyes, juicios y actas para la correctio de los Donatistas en Agustín de Hipona" (pp. 287-301); G. Tomás Faci, "The transmission of Visigothic documents in the Pyrenean monastery of San Victorián de Asán (6th-12th centuries): monastic memory and episcopal disputes" (pp. 303-314); M. Fauquier, "La chronologie radegondienne: un enseignement sur la conception de la vocation à la fin de l’Antiquité en Gaule" (pp. 315-340); D. L. Dusenbury, "Ait enim Lucretius. An affirmation of the Epicurean concept of time in Isidore of Seville’s Etymologiae" (pp. 341-351); E. Neri, "The mosaics of Durres amphitheatre: an assessment using technical observations" (pp. 353-374); A. Uscatescu, "A Late Antique Umayyad space of knowledge: exploring the functionality of the Bath Hall at Khirbat al-Mafjar" (pp. 375-430).

Le sezioni Chronique (pp. 431-450) e Bulletin critique (pp. 452-499) chiudono questo interessante e documentato volume che trova uno dei suoi punti di forza nella capacità di dialogo tra discipline diverse, elemento che consente di approfondire in prospettiva completa e sinergica le questioni affrontate.

Read comments on this review or add a comment on the BMCR blog

Home
Read Latest
Archives
BMCR Blog
About BMCR
Review for BMCR
Commentaries
Support BMCR

BMCR, Bryn Mawr College, 101 N. Merion Ave., Bryn Mawr, PA 19010